Edimen_tuttosalute_case_per_anziani
ozy hotel villa principe leopoldo
Editoriale comparso nella versione cartacea di TuttoSalute - Settembre 2021 - Edimen

L’emergenza sanitaria ha reso evidente la necessità di considerare delle vere e proprie linee guida per la prevenzione nelle Case per Anziani. È essenziale, dunque, garantire il massimo livello di attenzione all’igiene e alla sanificazione all’interno delle camere degli ospiti e soprattutto delle aree comuni, in cui si corre il maggior rischio di contagio, sia tra gli ospiti stessi che tra gli operatori sanitari di turno.

Infatti un trattamento di sanificazione in una struttura sanitaria è molto importante per salvaguardare la salute degli ospiti, soprattutto perché le persone anziane che presentano problemi di salute e possiedono difese immunitarie molto basse sono facile bersaglio di virus, germi e infezioni pericolose. È necessario quindi affiancare alle ordinarie procedure di igiene, la sanificazione degli ambienti che è in grado di eliminare e abbattere la presenza di virus e batteri.

O3ZY SA, azienda con sede in Svizzera a Stabio, è molto sensibile alla salute delle persone fragili. Per questo motivo tutte le soluzioni che produce vengono realizzate, testate e certificate per rispettare i requisiti di sanitizzazione più elevati grazie ai quali è possibile eliminare tutti i patogeni presenti sulle superfici e nell’aria: nella fattispecie virus, batteri, funghi, umidità e perfino gli odori.

L’anno 2020, è stato l’anno in cui sono comparsi sul mercato un numero elevato di dispositivi utilizzati per la sanificazione. In quel periodo in molti hanno dovuto prendere decisioni affrettate con l’acquisto di dispositivi che si sono rilevati non utili allo scopo.

Soprattutto nel settore della sanificazione, non basta essere certificati CE per dire di avere dispositivi efficienti ed efficaci.

O3ZY SA, ha lanciato sul mercato svizzero i propri dispositivi ufficialmente a Febbraio 2021, dopo aver testato l’efficacia tramite collaborazioni di valore scientifico con i laboratori di Unilabs e con il Centro Ricerche Ambientali di Padova e Pavia degli Istituti Clinici Maugeri. Il contributo scientifico ricevuto da questi enti ha permesso di realizzare oltre che prodotti che eseguono realmente ciò che dice la scheda tecnica, una soluzione altamente innovativa e scalabile.

Di recente l’azienda Svizzera ha completato il proprio dossier scientifico, sottoponendo i prodotti alla valutazione scientifica di enti certificatori terzi i quali hanno rilasciato a favore della gamma dei loro prodotti le seguenti certificazioni:

  • UNI EN 17272:2020 – Metodo per la disinfezione ambientale mediante processi automatici. Determinazione dell’attività battericida, micro battericida, sporicida, fungicida, levuricida, virucida e fagociticida. 
  • UNI EN 17141:2021 – Camere bianche ed ambienti controllati associati – Controllo della biocontaminazione

Il possedere le seguenti certificazioni rafforza il pensiero progettuale e costruttivo su cui si basa l’azienda. Inoltre, i dispositivi OZY, oltre alla sanificazione tramite ozono e a raggi UV-C, possiedono delle ventole che abbassano il livello di CO2 negli ambienti. 

L’importanza della salubrità ambientale per gli anziani

La promozione di stili di vita orientati alla salute e al benessere, soprattutto dopo l’esperienza COVID-19, si sta rivelando il tema prioritario anche in ambito sostenibilità e sta caratterizzando anche gli sviluppi immobiliari oltre che le richieste di chi soggiorna negli spazi confinati.

A maggior ragione la salubrità ambientale e la qualità dell’aria che si respira negli ambienti chiusi, stanno diventando sempre più elementi distintivi per tutte quelle strutture che accolgono ospiti anziani, portatori delle fragilità legate all’età.

A conferma di ciò, occorre considerare che i gruppi più a rischio per esposizioni a inquinamento indoor sono i bambini, gli anziani e le persone con patologie croniche (malattie cardiache e respiratorie) o malattie del sistema immunitario.

Inoltre, gli anziani passano molto tempo negli ambienti confinati e quindi, oltre ad essere più sensibili sono anche più esposti ai rischi presenti in questi ambienti e soprattutto al contagio reciproco che non necessariamente deve essere solo di COVID-19, ma anche di altri virus e batteri.

Il benessere ambientale è quindi un requisito sempre più importante.

Infatti gli studi scientifici mostrano una relazione significativa tra l’esposizione a inquinanti indoor e la funzionalità polmonare degli anziani che vivono permanentemente in case di cura, anche a concentrazioni moderate.

Questi sintomi sono apparsi ancor più gravi nelle persone con età superiore a 80 anni e in tutte quelle case di cura in cui è stata riscontrata una scarsa ventilazione. La rilevazione della CO2 ha infatti dimostrato che solo il 19% delle persone risiedeva in strutture ben arieggiate, che permettessero una diluizione degli inquinanti.

O3ZY SA nasce per questo. Fornire gli strumenti per rendere vivibili gli ambienti interni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cart

Log in

Back to Top